,

Bonus Bagno 2024: come funziona e a chi è destinato

Marzo 20, 2024

Il bagno è uno degli ambienti principali della casa ed è fondamentale che sia funzionale e progettato secondo le tue specifiche esigenze. 

Se desideri modernizzare il tuo bagno, e magari hai visto altri nostri approfondimenti che ti hanno ispirato, come ad esempio i pavimenti e rivestimenti ideali, come realizzare un bagno luxury, oppure le varie tipologie di mobili bagno, oppure desideri semplicemente ristrutturarlo per cambiare i sanitari, trasformare una vecchia vasca da bagno ad incasso in una splendida doccia dotata di tutti i comfort, allora devi sapere che il 2024 ha in serbo per te una grossissima opportunità: si tratta del Bonus Bagno!

Scopri in questa guida completa tutti i vantaggi, come funziona e a chi spetta il Bonus Bagno 2024 e fai avverare finalmente il tuo sogno!

Che incentivi ristrutturazione bagno ci sono?

Il Bonus Bagno del 2024 offre una valida motivazione per smettere di rimandare la decisione di ristrutturare il tuo bagno: si tratta di un'agevolazione fiscale, sotto forma di detrazione del 50% in 10 anni, per interventi di ristrutturazione e rifacimento del bagno per le spese fino a 96.000€. Un'ottima occasione quindi per tutti coloro che hanno nel cassetto il desiderio di ristrutturare il proprio bagno ma hanno un budget limitato per poterlo fare.

Chi può usufruire del bonus ristrutturazione bagno?

Possono beneficiare della detrazione ristrutturazione bagno tutti i contribuenti assoggettati all’IRPEF, a condizione che possiedano o detengano, sulla base di un titolo idoneo, gli immobili oggetto degli interventi e ne sostengano le relative spese.

Come funziona la detrazione Irpef del 50% per ristrutturazione bagno?

Il funzionamento della detrazione Irpef del 50% per la ristrutturazione del bagno è semplice. Dopo aver eseguito i lavori di ristrutturazione, puoi ottenere una detrazione sull'Irpef in 10 anni con quote annuali di pari importo.

Quando scadono queste agevolazioni per ristrutturazione Bagno e quali sono i lavori che rientrano?

Il Bonus Bagno del 2024, ha scadenza il 31 Dicembre 2024 e vi sono diversi lavori di ristrutturazione che si possono attuare e che si possono far rientrare per ottenere la detrazione.

Sono ammessi tutti ii lavori di manutenzione straordinaria, ovvero quegli interventi che prevedono il rifacimento degli impianti idrici e la loro messa a norma ma anche la ristrutturazione estetica, quindi nuovi sanitari, pavimenti, rivestimenti. Anche lavori particolari, come ad esempio l'abbattimento di barriere architettoniche, si possono far rientrare all'interno del Bonus Bagno.

È utile sapere che se si è intenzionati a fruire del Bonus Bagno 2024, detto anche ristrutturazione bagni bonus bagni bonus, si avrà diritto di accedere anche al Bonus Mobili, che permette di avere una detrazione Irpef del 50% su un importo massimo di 5.000€ per l'acquisto di mobili, non necessariamente destinati al proprio bagno, e di elettrodomestici. Insomma, si tratta di un'opportunità che può donare una nuova vita al tuo immobile a tutto tondo!

Quanto costa rifare un bagno con Bonus Bagni?

Il costo totale per rifare un bagno con il Bonus dipende da diversi fattori, tra cui le dimensioni del bagno, i materiali utilizzati, e il tipo di lavori necessari. Gli esperti di Oliviero sono qui per fornirti una consulenza gratuita, che potrai prenotare cliccando qui, al fine di analizzare assieme la situazione al suo stato attuale e progettare assieme a te il tuo nuovo bagno!

Con la giusta pianificazione, l'assistenza dei nostri professionisti qualificati e la nostra competenza, potrai ottenere finalmente il bagno dei tuoi sogni a costi convenienti. Non lasciarti sfuggire questa occasione!

Richiedi informazioni per usufruire del Bonus Bagno 2024 e prenota una consulenza!





    crossmenuchevron-downarrow-up
    ×
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram